Sensori anti intrusione: vantaggi e tipologie


4.7/5 - (10 votes)

Ci sono molte cose da sapere sui sensori anti intrusione, perché essi si rivelano essenziali per il corretto funzionamento dei sistemi di sicurezza. I sensori anti intrusione costituiscono degli elementi molto importanti, perché hanno la funzione di rilevare delle presenze sospette nell’area in cui vengono installati. Ci sono diverse tipologie di sensori, fra i quali per esempio bisogna citare quelli filari, che per funzionare sfruttano il collegamento con la rete elettrica. Se vogliamo installare dei sensori cablati, dobbiamo realizzare opere murarie per far passare i cavi, altrimenti dobbiamo ricorrere ai sensori wireless, che hanno diversi vantaggi. Scopriamo quali sono.

Quali sono i vantaggi dei sensori wireless

I sensori anti intrusione possono essere anche wireless, quindi senza fili. Vengono alimentati con le batterie e sfruttano il collegamento con la rete Wi-Fi che abbiamo nella nostra casa. Presentano diversi vantaggi, perché non occorre realizzare opere murarie per la loro installazione.

Inoltre si installano in maniera molto facile e flessibile e non vengono esposti al rischio di sabotaggio da parte dei malintenzionati.

Le varie tipologie di sensori anti intrusione

Possiamo distinguere differenti tipologie di sensori anti intrusione. Per esempio ci sono quelli perimetrali, che sono da esterno e hanno il compito di proteggere il perimetro della casa. Di solito vengono installati in terrazzi e giardini e riescono ad individuare l’intruso prima che arrivi alla porta d’ingresso.

Ci sono poi i sensori di movimento, che sono da interno e che sono costruiti con l’apposito scopo di rilevare i movimenti sospetti dentro casa o dentro la sede della nostra attività commerciale. Vengono installati soprattutto negli ingressi e nei corridoi per proteggere gli accessi alla casa.

Un’altra tipologia di sensori anti intrusione è costituita da quelli a tenda, che hanno il compito di operare sul confine tra l’interno e l’esterno. Infatti solitamente vengono installati sulle finestre.

Poi possiamo distinguere ancora i sensori magnetici per evidenziare colpi, urti e vibrazioni. Anch’essi sono molto importanti, perché segnalano tentativi di forzatura degli ingressi, rottura di vetri o scassi della serratura. Tutti i sensori operano con tecnologie diverse, come quelle ad infrarossi attivi o ad infrarossi passivi oppure le barriere a microonde.

Leave a Reply